MAILING-LIST
Nome
Email
Effettua:

NEWS & APPUNTAMENTI
CRINALI DI ESISTENZA
[2017-05-06]
IL MONDO DI CARMELO COSSA
[2017-02-09]
SOGNARE SI PUÒ
[2017-01-13]
IL SORRISO DELLA POESIA
[2016-04-30]
PREMIO ALFONSO GATTO
[2016-04-29]
TOP 100 DI AMAZON
[2015-04-03]
PREMIAZIONE
[2015-02-20]
NON AVER PAURA
[2014-08-25]
CONCORSO "IO ESISTO"
[2013-06-23]
TOCCARE IL CIELO
[2012-08-05]
LE ULTIME POESIE...
FACEBOOK

LIBRI PUBBLICATI > L'ESSERE è POESIA

L'ESSERE È POESIA

RIASSUNTO

Scrivo ciò che sento per non dimenticare

Ascolto ciò che scrivo per poter un giorno ricordare

 

 

 

 

 

RECENSIONE

Nell’attuale incombente cultura delle immagini, della vita “reale” spettacolarizzata e resa spesso più finta delle finzioni stesse, diventa necessario resistere alla corrente che spazza via con i suoi orrori quotidiani le possibilità dell’Io. Ecco allora che la voce di un poeta che scavi dentro il fatto e riporti alla luce il brusio di sentimenti, emozioni, il canto vivo che resta soffocato in gola alla modernità, resta l’unica melodia in grado di svegliare la coscienza. Perché la scrittura, la poesia, è un dato che con prepotenza mette in ombra ogni pura cronaca con i suoi eventi. In questa raccolta, intitolata “L’essere è Poesia”, l’autore sembra voler arginare, disegnare un margine ad una situazione ormai consolidata in cui la civiltà dell’informazione, con il tumultuoso susseguirsi di notizie d’ogni genere, affolla la nostra memoria quotidiana e ci impedisce a volte il piacere del ricordo, la riflessione, la lettura. Carmelo Cossa suscita nel lettore la voglia di riconquistare un’esperienza che riguarda appunto la poesia così come è stata “vissuta” presto o tardi da tutti, a scuola, in età adulta, all’università, davanti ad un paesaggio, immersi negli eventi di cronaca, un’esperienza individuale insomma ma nello stesso tempo universale nella comunanza del sentire e nella condivisione o discussione di valori e di intenzioni. È l’autore stesso a parlarci di un evento che costituirà una delle svolte nella sua vita: è il 1969 quando, appena ragazzino, giunge a Torino lasciando il Cilento, la sua terra, affrontando la partenza che ne “Il Treno”, il primo componimento della raccolta, appare come la speranza di un domani che Cossa sente ricco di possibilità. Un sentimento che probabilmente molti vissero nell’Italia di quegli anni ed a cui l’autore sa dar voce con saporita verità. Era l’estate del 1969 e davanti alla mancanza di prospettive in un ambiente che “gli andava stretto”, cui non sentiva di appartenere, il giovane vive un forte impulso a cambiare, a partire, a ricominciare vedendo in Torino una nuova “Aurora” (il secondo componimento).

“Me stesso” è ancora un invito allo scavo nella propria intimità ritrovando le risorse e gli strumenti per affrontare la solitudine, sensazione quasi tattile, grave, pesante per un giovane forestiero in una città nuova in cui tutto per lui è da rifare, le amicizie da cercare, così come il lavoro ed una propria stabilità. Il percorso del quindicenne, già piccolo poeta, emerge in tutta forza: la sua voglia di studiare, imparare, conquistare una cultura per ribellarsi alle afflizioni ed alle fatiche di una vita contadina che imponeva il silenzio, alla sofferenza generata dai mille perché che rimanevano senza risposta. “Liberarsi il cuore” rappresentava allora uno degli appigli per non arrendersi mai e per cogliere e sfruttare le opportunità che la vita offre.

Partire, lasciare il cuore ed il calore della propria casa non è mai facile, si desidera il cambiamento, l’uscita tutta una vita, in fondo però, rimane l’eterno luogo cui si vuol tornare, in un nostos dal sapore epico. Un sentimento di gratitudine per una terra ed una famiglia che gli ha offerto la possibilità di gioire oltre che di sospirare per qualcosa di ancora ignoto emerge anche in una poesia come “Papà”, dove l’etica del sacrificio si accosta ad una nostalgia per il proprio nucleo familiare ed il poeta stesso come padre di famiglia ha ormai preso su di sé le responsabilità e le gioie di tale realtà. Andiamo incontro allora al “bambino” che vive ancora dentro al poeta e che sembra vegliare sotto ogni verso e che l’autore stesso accarezza con lo sguardo: “Credo fermamente che ogni essere, a modo suo, nel suo IO rimanga un po’ bambino”, da qui la sua visione lucida, nitida ma piena di interrogativi di fronte alla vita come in “Paura”, scritta da un quindicenne solo o in poesie come “Speranza”, dove la pars destruens si condensa in una volontà di riconquista, in cui è il riscatto dalla sofferenza a stimolare una rivincita in termini propositivi oltre che positivi. La realtà irrompe poi nell’universo della memoria e viene proiettata in una visione poetica in cui è lui con la penna in mano a vincere; ecco allora la poesia “Per sempre”, frutto di un lungo intermezzo ma che sigilla entrambi i componimenti con “Vorrei farti vivere nella luce della speranza”.

L’amore sa essere estremo, vitale, quasi assassino (in “Ti odio” la potenza del sentimento del conflitto e dell’orgoglio non necessitano di schermi, le parole sono crude ma vengono dal profondo), impossibile non condirne la vita separandolo da altri ingredienti esistenziali come il dolore, la follia, l’amicizia, è un altro sottile filo rosso che precorre e percorre il discorso lirico: in “Mai”, si canta il Primo ed il più tenero, uso dall’ormai inflazionata frase “quello non si scorda mai”, un amore sincero, tutto interiorità e sensazione, il profumo, il coinvolgimento totale, sensoriale mai cancellato che anzi riporta alla mente “Mai fine”, in cui pessimismo e speranza si affrontano e si abbracciano, ma anche “Un grande amore” che arde come un fuoco e poco importa se non si consumerà mai.

Altri esempi di questo sistema olistico che è l’uomo e soprattutto il poeta si ritrovano in “Un rito” , il cammino di ogni essere nella sua manovra di avvicinamento alla vita e poi di esistenza nella scoperta di un aspetto fondamentale dell’amore, quello carnale, travolgente perché ogni giovane che scruta il domani prima di questo grande salto sogna già di vivere personalmente “una sensazione mai provata da un fiore appena nato” e di essere “investito dalla passione”. Molte poesie esprimono la ricerca ed il desiderio d’amore (“Tu”, “Amare”…), ci è connaturato in fondo ma si perde forse il coraggio di restare aggrappati al sogno di trovarlo; Carmelo Cossa, fedele al suo Io anche in questo, l’ha cercato, perseguito e incontrandolo anche nell’amatissima moglie Rosa, incita i lettori a non porsi mai dei limiti, a lottare per l’amore che si sta vivendo perché, come nella poesia “Voglio”, “il cuore può spingermi oltre limiti che non voglio più pormi”.
L’amore che vive in questo linguaggio poetico non viene racchiuso nel campo erotico, platonico o mistico, secondo antiche e valide tradizioni, esso infatti si riversa anche sulla natura in brani come “Nuvola”, “Ruscello”, “Oceano”, “Foglia”, componimenti che rievocano un sentimento d’appartenenza e di condivisione affinché non si divenga schiavi di una visione antropocentrica: l’oggi ci comunica sempre più spesso la necessità di pensarci come sistema-mondo, ecologico, organico, in cui è non solo l’Io umano a respirare ma il pianeta stesso. Si rivolge poi all’amico di una vita, cui si offre un braccio nel percorrere le difficili e irte strade attraverso l’esistenza, come in “Sostienimi”.
Altro tema fondamentale che stimola il pensiero e le riflessioni dell’autore è l’urgenza del presente nella sua scottante attualità di guerra di macerie che sembra essere contemporanea a tutte le epoche della storia e che oggi ci colpisce con gli sguardi dei bambini di Gaza; in “Orrore” è l’indignazione oltre alla compassione che tenta una risposta o almeno la pretende, perché la poesia non riesce a spiegare, nell’impossibilità di stabilire quando e se il conflitto tra uomini cesserà mai. L’unico appiglio è ancora “La speranza”, fiamma che accende la pace, riscopre la fede, augura l’amore. È un continuo avvicendarsi e sovrapporsi di vita e visione come l’autore le intende in “Essere”, in cui cerca di manifestare una verità ontologica almeno individuale, che ci pertiene ed appartiene, senza metafore, senza giri di parole: “Come si É”, il semplice, ma quanto mai complesso a livello di teorizzazione, essere dentro, nel profondo, e consequenzialmente fuori, di fronte agli altri, diversi “Esseri” che sono e incrociano le nostre vite. Un concetto difficile da esprimere se non attraverso i versi di un canto dell’anima, la voce della mente, per mezzo di parole dettate da uno sguardo attento e ascoltate con il cuore, o forse sono il canto della mente, la voce dell’anima, attraverso parole dettate dal cuore ed ascoltate con lo sguardo in un processo di sinestesia continua che rende visibile l’inaudito. Come riportato dall’autore stesso: “È splendido ascoltare con lo sguardo, è lui che trasporta le emozioni all’interno del nostro io, del nostro sempre e solo Essere, poiché ogni essere è una poesia, l’Essere è poesia”.

Si conclude un’esperienza poetica che ci assicura un nuovo sguardo sul futuro delle nostre emozioni, solleva una cortina di tranquillità percettiva e come una pioggia di luce stimola in noi la voglia di ritrovare quel canto chiuso da qualche parte in gola, l’amato bene dei poeti e l’apertura verso l’ignoto per chi non ha paura di saltare.

A cura di Valentina Versino (Marzo 2009)

 

RECENSIONI DEI LETTORI

 

Marco 10/10/2010 00:00 
[10/10/2009] La recensione on line in pratica dice già tutto, ma io volevo aggiungere che è veramente raro, in quest'era moderna che ci sommerge con tutto, tranne che con il sentimento, quello vero e autentico che si percepisce scorrendo alcuni versi delle liriche contenute in questa raccolta. Credo che con un tantino di fiducia in più nel prossimo,anche noi giovani possiamo farcela se perseguiamo quell'amore che si ascolta leggendo versi " arde come un fuoco e poco importa se non si consumerà mai, sarà sempre un grande amore. Voto personale:*****
Tommasino 09/10/2009 00:00 
09/10/2009] Una raccolta cercata e trovata con tanta fatica ma sono riuscito. Sono un ragazzo giovane e, non è assolutamente vero che non apprezziamo la "POESIA" come in tanti credono. Alcuni componimenti poi, lasciano veramente il segno per la loro semplicità e lo spessore del contenuto. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dai vari generi che vanno dall'amore in tutto il suo universo,alla natura e alla maledetta guerra.Un grazie all'autore e complimenti per la copertina. Un libro da non perdere anche per i non amanti della poesia. Voto personale:*****
Coppelli 07/09/2009 00:00 
Ho faticato a trovarlo, ma ne valeva veramente la pena. Ero stato colpito dalla recensione letta sul sito ed ero curioso di leggere le poesie. Non trovo le parole per esprimere ciò che mi hanno trasmesso alcuni versi, delle poesie "Ti odio" e "Orrore". Pensando poi all'amore, non si può non leggere e recitare a memoria i versi di "Un rito" di "Esisti" e di "Donna" Cito per ultimo il titolo "La speranza" un componimento semplice dove però, si percepiesce l'autenticità che l'autore vuole lanciare. oltivo la speranza di poter leggere presto, altri componimenti semplici e autentici.L'ho consigliato ad amici in questi giorni, e mi permetto di consigliarlo a tutti quelli che leggeranno questo messaggio. Voto personale:*****
Mara 06/06/2009 00:00 
[06/06/2009] Alla fiera del libro, passando dallo stand, sono stata attratta dalla copertina e dal titolo di questo libro. Leggendolo invece, sono emersi dei componimenti che hanno colpito la mia fantasia oltre che il mio profondo essere. Versi che hanno fatto viaggiare la mia fantasia dall'amore,carnale, per la natura e la vita stessa.Rabbrividisco ancora, mi commuovo ricordando alcuni versi dedicati ai bambini di Gaza in "Orrore". Senza dubbio una raccolta da non perdere anche per i non appassionati della poesia. Tuttavia, il loro vero nome, è "pezzi di vita". Complimenti Voto personale:*****
Rossetti 18/05/2009 00:00 
[18/05/2009] Una raccolta di poesie toccanti che permettono di viaggiare lontano con la mente avendo la percezione di forti emozioni di vita con la contestuale riflessione dei propri sentimenti , permettendo così al lettore , di galleggiare parallelo alla raltà quotidiana. Un libro imperdibile per gli amanti del genere e non solo. Voto personale *****
Linda 76 05/04/2009 00:00 
[05/04/2009] Una raccolta di poesie inaspettata che racconta al tempo stesso emozioni legate a ricordi del passato, presa di coscienza del presente, speranza per il futuro. Un linguaggio semplice ed introspettivo che di sicuro affascinerà anche i non appassionati del genere "poesia". E soprattutto la dimostrazione che la vita premia chi crede nei propri sogni e in silenzio, accetta di mettersi in gioco per realizzarli. Voto personale:*****
Hai letto questo libro? Scrivi il tuo commento o recensione...
 Nome
 Email
Il tuo commento
Codice
Verifica (riportare i numeri del campo codice)

FACEBOOK

IN LIBRERIA

 







 

LIBRERIE ON-LINE






SITI AMICI
CATEGORIE BLOG

Sito compatibile con:

Pagina generata in [0.077801 secondi]